Piccola guida alla comprensione del Programmatore. Parte 01

L’uomo e la Televisione.

Utile manuale per comprendere l'uso del mezzo®
Utile manuale per comprendere l’uso del mezzo®

Punto 01. Il programmatore e/o informatico è un creativo, fondamentalmente. 

Giorno “A” in un non ben definito orario che va dall’alba al tramonto. La casa è stracolma di fogli A4 con disegnata un’icona a forma di televisore. Sono ovunque: sul muro, sul pianoforte, sul divano, sul tavolino, etc.

V: “Ciao Crici, cosa fai?”

L: “Sto usando la realtà aumentata per capire se il nostro nuovo televisore sarà troppo grande in casa nostra”

V: “…”

L: “Guarda! Ora sta volando!”

V: “… … …”

L: “Se lo appendiamo li dici che è troppo? Figata! E’ immenso! Sembrerà un cinema!”

V: “Posso usare la realtà aumentata per vedere come starebbero le poltroncine rosse da cinema nel nostro soggiorno/cucina?”

L: “Non scherziamo! Si usa per cose serie. Guarda: ora lo metto sul soffitto!”

V: “…”

—- —- —-

Punto 02. Il programmatore e/o informatico è un po’ donna, fondamentalmente.

Giorno “B” di un mese dopo, ora di cena. Dubbi esistenziali.

L: “Amore, ma pensi che il televisore sarà troppo grosso? Magari è troppo vicino. Magari ci inghiottirà e noi vivremo all’interno del televisore. Magari prenderà il possesso del nostro soggiorno. Magari, magari, magari. Ma è così bello, lo voglio! Ma non lo so, ma boh, ma, ma, ma tu cosa dici?”

V: “Secondo me è perfetto. Se non ci piace lo portiamo indietro!”

L: “Ma non lo sooooooo. Ufff. Ci penso, ma è così belloooo…”

V: “…”

—- —- —-

Punto 03. Il programmatore e/o informatico è un esteta, fondamentalmente.

Giorno “C” di due mesi dopo. Ore 18.

V: “Crici è bellissimo”

L: “Lo so! E’ grossissimo! E’ splendido! Guarda che nero, altro che Led! Vieni a vedere l’angolo di rifrazione della luce, qui, mettiti contro la parete a 45°!”

La scena: due idioti schiacciati contro la parete a fissare uno schermo.

L: “Quando lo appenderemo al muro, sarà perfetto!”

—- —- —-

Punto 04. Il programmatore e/o informatico è anche un arredatore di interni, fondamentalmente.

Giorno “D” di due mesi e mezzo dopo. Ore 21 (notate un certo pattern?). Il televisore è appeso. Dopo due ore di montaggio, grazie Meliconi, fortuna che secondo la scatola era una staffa dal montaggio rapido e veloce.

L: “Splendido! Un televisore perfettamente in bolla!”

V: “Bello!”

—- —- —-

Punto 05. Il programmatore e/o informatico è ansioso, fondamentalmente.

Giorno “E” dopo mesi per generare e partorire anche solo l’idea della televisione, che abbiamo deciso essere una lei e abbiamo battezzato “Penny”, nella notte, un rumore: GNIC.

V: “Crici, sono le 3 di notte, ma che stai facendo?!”

L: “MA SE CADE???????????”

V: “…”

-The end?- 

 

Valezot

Annunci

Valez® e il tempo del…

Mentre impreco dietro al Pandino verde acqua che va a 25 Km/h mi rendo conto che il signore è un “Vecchietto col Cappello®”, razza di uomo anziano che si caratterizza per la lentezza nella guida e l’inevitabile distruzione di maroooooni di noi comuni mortali. Oltre alla principale caratteristica data dalla lentezza dei suddetti individui, l’essere® ha anche altri pregi:

  • In caso vogliate suonargli, prestate attenzione: alcuni soggetti si fanno prendere dal panico e inevitabilmente sbandano con conseguente ulteriore perdita di tempo, sopratutto se finiscono in un fosso;
  • In caso vogliate superarli, prestate attenzione: alcuni soggetti si fanno prendere dal panico e….

Si, avete capito, solitamente il tal soggetto si fa prendere dal panico per qualsiasi cosa. Ad ogni modo, il post non era per parlare dei “Signori con il cappello®” o in gergo brianzolo “I dannati vecchi col cappello™” (tra le altre cose uno dei costumi più gettonati per Halloween), ma per parlare di uno dei MUST modaioli invernali: il cappello! 🙂

Prego regia mandare immaginetta esplicativa:

Vecchio con Cappello® alla guida della sua potente vettura!

Vecchio con Cappello® alla guida della sua potente vettura!

Ora che avete capito com’è l’individuo da evitare grazie all’immagine segnaletica qui sopra, torniamo a noi: IL CAPPELLO!!!

Assoluto protagonista invernale il cappello ha funzione estetica, modaiola e ovviamente deve tenervi calde orecchie e organo cerebrale! 🙂 Non tutte le persone sono “Persone da cappello®”, perchè non tutti i modelli sono facili da portare, anzi: richiedono sicuramente una certa personalità, perchè il cappello, una volta indossato, prenderà il sopravvento su di voi! A volte è proprio il cappello che cambierà il vostro modo di atteggiarvi:

  • Coppola a scacchi = lentezza alla guida;
  • Coppola nera = trinacria nel cuore;
  • Coppola verde, blu o marrone = da cavallerizza;
  • Bombetta nera = antico divo del cinema;
  • Basco rosso = ’68 a gogo!
  • Basco nero = sono una parigina chic!

E così via… Ed ecco una piccola raccolta dal Web, per la vostra ispirazione! 😀

HATZ INSPIRATIONZ®

HATZ INSPIRATIONZ®

E voi? Che cappello preferite? Caldo con le orecchie? Peloso? Da signora inglese? Maschile? C’è solo l’imbarazzo della scelta!!!

Bye! ^_^

Valezot