Piccola guida alla comprensione del Programmatore. Parte 01

L’uomo e la Televisione.

Utile manuale per comprendere l'uso del mezzo®
Utile manuale per comprendere l’uso del mezzo®

Punto 01. Il programmatore e/o informatico è un creativo, fondamentalmente. 

Giorno “A” in un non ben definito orario che va dall’alba al tramonto. La casa è stracolma di fogli A4 con disegnata un’icona a forma di televisore. Sono ovunque: sul muro, sul pianoforte, sul divano, sul tavolino, etc.

V: “Ciao Crici, cosa fai?”

L: “Sto usando la realtà aumentata per capire se il nostro nuovo televisore sarà troppo grande in casa nostra”

V: “…”

L: “Guarda! Ora sta volando!”

V: “… … …”

L: “Se lo appendiamo li dici che è troppo? Figata! E’ immenso! Sembrerà un cinema!”

V: “Posso usare la realtà aumentata per vedere come starebbero le poltroncine rosse da cinema nel nostro soggiorno/cucina?”

L: “Non scherziamo! Si usa per cose serie. Guarda: ora lo metto sul soffitto!”

V: “…”

—- —- —-

Punto 02. Il programmatore e/o informatico è un po’ donna, fondamentalmente.

Giorno “B” di un mese dopo, ora di cena. Dubbi esistenziali.

L: “Amore, ma pensi che il televisore sarà troppo grosso? Magari è troppo vicino. Magari ci inghiottirà e noi vivremo all’interno del televisore. Magari prenderà il possesso del nostro soggiorno. Magari, magari, magari. Ma è così bello, lo voglio! Ma non lo so, ma boh, ma, ma, ma tu cosa dici?”

V: “Secondo me è perfetto. Se non ci piace lo portiamo indietro!”

L: “Ma non lo sooooooo. Ufff. Ci penso, ma è così belloooo…”

V: “…”

—- —- —-

Punto 03. Il programmatore e/o informatico è un esteta, fondamentalmente.

Giorno “C” di due mesi dopo. Ore 18.

V: “Crici è bellissimo”

L: “Lo so! E’ grossissimo! E’ splendido! Guarda che nero, altro che Led! Vieni a vedere l’angolo di rifrazione della luce, qui, mettiti contro la parete a 45°!”

La scena: due idioti schiacciati contro la parete a fissare uno schermo.

L: “Quando lo appenderemo al muro, sarà perfetto!”

—- —- —-

Punto 04. Il programmatore e/o informatico è anche un arredatore di interni, fondamentalmente.

Giorno “D” di due mesi e mezzo dopo. Ore 21 (notate un certo pattern?). Il televisore è appeso. Dopo due ore di montaggio, grazie Meliconi, fortuna che secondo la scatola era una staffa dal montaggio rapido e veloce.

L: “Splendido! Un televisore perfettamente in bolla!”

V: “Bello!”

—- —- —-

Punto 05. Il programmatore e/o informatico è ansioso, fondamentalmente.

Giorno “E” dopo mesi per generare e partorire anche solo l’idea della televisione, che abbiamo deciso essere una lei e abbiamo battezzato “Penny”, nella notte, un rumore: GNIC.

V: “Crici, sono le 3 di notte, ma che stai facendo?!”

L: “MA SE CADE???????????”

V: “…”

-The end?- 

 

Valezot

Guida pratica all’accensione del Riscaldamento®

E’ andata più o meno così:

Fa freddo, no?

Fa freddo, no?

 

“Crici® (–>alcuni chiamano il proprio compagno “Amore”, io lo chiamo “Crici”, abbreviazione di “Criceto”) io ho freddo, accendiamo il riscaldamento?”

Perchè, pensate sia una cosa facile? IO SI! Lo pensavo! Grande ignoranza! Ma il “Riscaldamento” è subdolo, ti coglie di sorpresa con il suo manuale grande come il “Il Signore degli Anelli”, scritto come un libro di Fisica quantistica misto ai quiz di Cosmopolitan e quando pensi “cosa ci vorrà mai ad accenderlo?”, sferra il colpo finale con la “modalità Party”. CHE CACCHIO E’ LA “MODALITA’ PARTY”?!

Terrore e traggedia.

“Criciiiiiiiiiii tu che sei un super informatico aiutamiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii” (urlo della pulzella in pericolo)

Il super Adone® entra in modalità: super informatico che legge 12 manuali tutti insieme in 18 lingue diverse. Si alza, lo affronta. Fissa lo schermo del computerino del Riscaldamento, fissa il manuale, io fisso lui, io fisso il computerino, io penso “accenditi!”, lui torna a fissare il manuale e poi tocca un tasto: BIP!

“Amore, ho sincronizzato tutti i giorni con un programma personalizzato. Se per caso un giorno hai freddo puoi mettere la modalità manuale, ok?”

“Ah ah…”

– – – – – – Una Settimana Dopo – – – – – –

A casa influenzata, lui in chat mi scrive:

“Amore, vanno i caloriferi?”

Io mi alzo, controllo, guardo lo schermino:

“C’è la LUNA sul COSINO!”

“Ah ok, allora sono in modalità mantenimento!”

– – – – – – Morale – – – – – –

Vivere con un informatico mi da molta sicurezza, soprattutto un informatico che ha decifrato il mio modo di esprimermi! 😛

Valezot

Miii! Miii! Miii!

” Smirf! Smiii! Smiiiiiiii! Smirf! “

Con fare seccato il piccolo criceto guarda la finestra, dannazione c’è il vento! Ed è freddo per giunta! Gli arrufferà tutto il pelo! 

 

” Fuuu Fuuu Fuuuuuuuuu!!! “

Il criceto passa dalla finestra allo specchio e usa la sciarpina che ha con se per ripararsi le orecchiette, è pronto a tornare a casa e affrontare il vento sulla strada.

 

” Miiii…”

Ma anche se il mondo attorno al piccolo criceto gira come al solito, in lui qualcosa resta ferma su un unico altro pensiero, un pensiero che si riassume in un “Miii” nel suo cuore. Il criceto segue il movimento del mondo, ma il suo cuore resta sempre rivolto a colui che risponderà al suo “Miii”.

 

Morale: ogni tanto ci si sente soli, ma non lo si è mai in realtà. Al “Mii” che ho nel cuore, se tendo l’orecchio, so che risponderà un altro “Mii”. E’ una certezza che mi riempie l’animo. La morale non so se c’è, è più un post per dire grazie di questo “Mii”. Si, lo so, è un post melenso. Ma ogni tanto ci vuole! 😛