“Alla ricerca della CASA incantata”

Sono seduta scomodamente sul letto, in pigiama e ho appena finito di vedere una puntata di “The Big Bang Theory” e penso che dovrebbe venirmi un idea per un post. Insomma, ho fatto un sacco di cose divertenti ultimamente… mumble… ho avuto la febbre… poi… ok, si, forse non così divertenti, ma…

…inizia il nuovo anno, si scrivono le liste dei desideri, di quello che vorremmo portare a termine, che vorremmo fare, che sappiamo che non rispetteremo come la regola del non mangiare mai cioccolatini e a me non vengono ideee!!! AAAH!

CIAO SONO VIVO E SONO PELOSO!

CIAO SONO VIVO E SONO PELOSO!

 

Quest’anno si spera che la moda del Moon-Boot peloso milanese si autodistrugga, che i cioccolatini facciano improvvisamente schifo e che la palestra ci piacerà tantissimo. Intanto io e il mio Adone Cricetoso® ci portiamo avanti e iniziamo a perlustrare le case per scrivere “ALLA RICERCA della CASA INCANTATA”: una storia pregna di significati intrinsechi che racconta di una coppia di criceti e delle loro avventure alla ricerca della CASA in affitto dei sogni.

LA CASA®

LA CASA®

Ovviamente si sa che i sogni sono sogni, esattamente come le liste dei buoni propositi capodanneschi. Quindi diciamo che siamo realistici e cerchiamo una casina carina, senza troppe pretese (leggasi come —> voglio un loft a 500€ al mese fighissimo con vista duomo di 90m²!!! E lo voglio ora!!! UAHAHAHAH!). Si, beh, avete capito.

 

Il primo capitolo è iniziato oggi. Di solito sono più agitata quando vado a comprare un paio di scarpe o una borsa, tipo oggi: “Valentina! A casa con un altra borsa?!” “Ma papàààààààà non capisci! Di borse non ce ne sono MAI troppe, come le scarpe!” Segue silenzio di tomba e la mamma che sbatte la testa contro il muro. Devo proprio trovare una nuova casina. CABINA ARMADIO A ME! (quest’ultima la appunto nella lista dei desideri!).

Anni '70?

Anni '70?

 

Stasera è stata un esperienza quasi balsamica, di sicuro interessante, di sicuro chiarificatrice: una casa degli anni ’70 MAI sistemata, senza doppi vetri, senza sbarre alle finestre al piano terra (fuori i ladri ci salutavano) nella campagna brianzola, senza porta blindata, con il corridoi alla Shining e la cucina BLU elettrico MAI sistemata (siamo nel 2011 cribbio!) NON fa per noi. No, no. Proprio no.

Ciò che c'era in QUEL corridoio!

Ciò che c'era in QUEL corridoio!

 

La prima cosa che è stata chiesta mentre lo specchio della bisbisbisnonna della proprietaria ci rifletteva in modo contorto è stata:

Noi: “Ma i mobili? Ehm. Possiamo cambiarli?”

Signora X: “Ehm. No. Non saprei dove metterli.”

Noi: “…”

Mentalmente la conversazione è stata un po’ diversa:

Noi: “OooommmmmmiooooooooDDDDDDDDDioooooooooo questi cosi che ci fissano sono di epoca tardo gotica e vorremmo dargli fuoco, distruggerli con delle accette, riempirli di dinamite e farli saltare. Possiamo?”

Signora X: “Ehm. No. Non saprei dove metterli.”

Noi: “Alla discaricaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!”

 

Ciò che sarebbe successo DOPO!

Ciò che sarebbe successo DOPO!

Beh, direi che è andata bene, no? 😉

Nel frattempo speriamo di essere più fortunati!!! 😛

Io intanto mi consolo con i SALDI!!! EEEEEEEEEEEH che bello essere donna, ti basta un nuovo paio di ballerine per ritrovare il buon umore! 😀

 

Valezot

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...